Immagine
 
 
"
Chi controlla il passato controlla il futuro; chi controlla il presente controlla il passato

George Orwell
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Tipi strani in giro ce ne sono tanti e da quando ho scritto il libro me ne sono passati davanti non pochi. Di aneddoti da raccontare ne avrei tanti perchè ad ogni presentazione c'è sempre qualcuno che vuoi per protagonismo, vuoi perchè non ha molto da fare si dedica allo sport più amato dagli italiani: il pettegolezzo.

E se succede ad uno scrittore NO-SELLER come il sottoscritto posso immaginare cosa capiterà agli autori più popolari.
Ma questa la voglio raccontare perchè temo sia troppo esilarante. Tenetevi forte: il sottoscritto è uno stipendiato dalla CIA. E naturalmente non perchè sia dipendente della Confederazione Italiana degli Agricoltori.

E' andata così.

Stasera mi ha chiamato un lettore con il quale siamo diventati abbastanza amici e, riuscendo a trattenere a stento le risate, mi ha raccontato un episodio che gli è capitato recentemente assistendo ad una proiezione del documentario "Il sol dell'avvenire" a Roma.

Era arrivato con largo anticipo e prima della proiezione stava dando un'occhiata al mio libro, che aveva portato con se nella borsa. Quando si è avvicinato un altro spettatore che, indicando il testo, inizia un dialogo.
Racconto  quello che i due si sono detti, per come mi è stato riferito.

Spettatore: "Conosci quel libro?"
Amico: "Beh, direi di si"
Spettatore: "L'hai letto'"
Amico: "Si..."
Spetttore: "Ti è paciuto?"
Amico: "Si..."
Spettatore: "Secondo me è di parte"
Amico: "Credo che qualsiasi libro sia di parte. Non credo possa essere considerato un difetto. Stai dicendo una cosa lapalissiana..."
Spettatore: "Ma tu lo conosci l'autore?"
Amico: "No, perchè tu lo conosci?"
Spettatore: "Certo. Ed è un amico degli americani"
Amico: "Prego?"
Spettatore: "Si, è pagato dalla CIA. Gli danno 8.000 (!) euro al mese, capisci?"
Amico: "Ah, si certo, capisco. Beh ora ti saluto che mi sa che è arrivato un mio amico con cui avevo appuntamento"

Ho chiesto all'amico di descrivermi il personaggio. Giovanile, alto, pochi capelli ed una vistosa chierica.
Chissà se avrò mai il piacere di conoscerlo. Non fosse altro per dirgli che, nel caso la CIA decidesse di stipendiarmi, sicuramente mi ricorderò di lui e avrò modo di dividere i proventi con la formula dell'80-20: 80% a me, 20% a lui. Una provvigione del 20% mi sembra decisamente generosa. O no?
Articolo (p)Link Commenti Commenti(2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Manlio  09/02/2009, in Attualità (1320 letture)
Eh, si, caro Ministro La Russa.
Dato il suo fervore nel voler (giustamente) arrivare fino in fondo pur di ottenere l'estradizione di Cesare Battisti dal Brasile, dovremmo credere che il latitante Battisti sia da considerarsi, in qualche modo, di serie A rispetto ad altri casi sui quali, viceversa, non varrebbe la pena di impegnarsi più di tanto.


Mi vengono in mente almeno tre casi:


1) Giorgio Pietrostefani, 65 anni, ex leader di Lotta continua che  è stato condannato in via definitiva a 22 anni come mandante dell'omicidio del commissario Luigi Calabresi. Fuggì in Francia e li tranquillamente vive occupandosi (pare) di editoria

2) Delfo Zorzi, 62 anni, ex leader della cellula veneziana di Ordine nuovo, imputato principale per la strage di Piazza della Loggia a Brescia.  Vive da anni a Tokyo dov'è (pare) un affermato imprenditore nel ramo abbigliamento

3) Dal 2006, i giudici di Milano sono impegnati in una solitaria battaglia, mai supportati dal Governo. Chiedere agli Stati Uniti l'arresto e l'estradizione  - come prevede la convenzione bilaterale Italia-Usa - per i 26 agenti della Cia imputati per il sequestro dell'egiziano Abu Omar. Ricordiamo che dopo il suo prelevamento a Milano (2003) Abu Omar fu "deportato" in Egitto, e li subì sette mesi di torture. Il tutto in violazione del Codice penale italiano e della Convenzione europea per i diritti dell'uomo, che vieta arresti illegali e torture.

Ovviamente non dimenticandoci di Alessio Casimirri (ma lui pare sia scappato direttamente con l'aiuto dei servizi italiani, e quindi non possiamo prendercela con nessuno)

Potrà sembrare strano, ma a me pare che tutti questi casi siano accomunati da un filo conduttore molto preciso che impedirà a chiunque di assicurare qualsiasi tipo di colpevole alla giustizia. L'eversione degli anni '70 sia rossa che nera, il meschino ruolo avuto da alcuni pezzi dei servizi nelle cosiddette stragi di Stato, la sudditanza coloniale che ancora oggi subiamo da parte degli Stati Uniti (e soprattutto dai loro servizi).

E' vero che ci hanno liberato, ma per quanti secoli ancora ci toccherà pagare gli interessi?
Articolo (p)Link Commenti Commenti(1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Manlio  06/02/2009, in Attualità (1344 letture)
Ieri sera Renato Curcio ha parlato di "Dannati del lavoro" in un'iniziativa organizzata dal circolo "Uno sguardo verso sud" presso la Sala Estense del Comune di Ferrara (qui una importante precisazione dell'Assessore alla Cultura Massimo Maisto.

Stasera, invece, è la volta di Valerio Morucci ma in tutt'altro contesto: l'Associazione Casa Pound.

Si è trattato di due eventi che, contrariamente alle settimane passate, non hanno animato alcun dibattito nella politica. Forse perchè la vicenda Battisti ha saturato la pubblica opinione, forse perchè c'è di mezzo un bacino elettorale più ampio legato alle sorti della povera Eluana, forse perchè... (mi veniva in mente un'ipotesi che mi rifiuto di prendere in considerazione).

Ad ogni buon conto qualcuno  ha deciso comunque di protestare, a modo suo.
E stavolta è stata la frangia più estrema a scagliarsi contro Morucci, quelli che una volta sarebbero stati suoi "contatti" irregolari o fiancheggiatori.

"Morucci infame la pagherai" è stato il grido con il quale qualche aspirante brigatista ha scelto di imbrattare i muri dei portici Ercolani a Senigallia.

Una sola domanda: ma a tutti i poliziotti della DIGOS in borghese che, con molta probabilità saranno una parte sostanziosa del pubblico, interesserà qualcosa di un revival prevedibile quanto noioso tra reduci? Non vorrei essere nei loro panni, fossi in loro mi porterei un buon libro...
Articolo (p)Link Commenti Commenti(3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
    
Tra le mille idiozie che si sono dette in questi giorni sulla vicenda dell'estradizione non concessa dal Presidente del Brasile a Cesare Battisti (dal ritiro dell'ambasciatore all'annullamento dell'amichevole di calcio) l'unica persona che ha detto una cosa sensata è stato proprio il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: andremo fino in fondo, presenteremo un ricorso alla Corte Suprema brasiliana.

Ed infatti è stato lo stesso Lula ad avallare la decisione del nostro premier assicurando il fatto che il Brasile non si opporrà alla decisione della Corte Suprema.

Ma adesso, se non devono esistere due pesi e due misure, sarebbe opportuno che lo stesso metodo fosse utilizzato con una vicenda ben più spinosa di quella di Battisti e che ha a che vedere niente di meno che con il caso Moro.
Alessio Casimirri ha partecipato all'agguato di via Fani, forse ha anche ucciso l'agente Jozzino visto che un testimone ha visto sparare al poliziotto uscito dall'alfetta da un brigatista che è sbucato da dietro la macchina bianca che chiudeva la scena.

Eppure i vari tentativi di andare a recuperare  il latitante (unico dei condannati per via Fani a non aver fatto neanche un giorno di galera) sono andati tutti male.

Nel 1993, a seguito delle indagini sull'individuazione di Germano Maccari come quarto uomo di via Montalcini il Gen. Mario Fabbri o il Dr. Carlo Parolisi, alti funzionari del SISDe, erano riusciti ad avvicinare Alessio Casimirri e proprio quando avevano iniziato a tessere una possibilità di dialogo si videro sabotare i propri sforzi a causa di un “dipendente infedele” (come lo definì lo stesso Fabbri di fronte al giudice Ionta) che operò una fuga di notizie e produsse un articolo su “L’Unità”che spaventò Casimirri proprio quando era nato, tra i tre, un rapporto di reciproca fiducia.

E nel 2004 la Corte Suprema di Managua aveva respinto la richiesta italiana perchè Casimirri dal 1988 è cittadino nicaraguense e la Costituzione del Nicaragua e' chiara nello stabilire che non c'e' estradizione per delitti politici e comuni connessi con cittadini nazionali.

Magari non ci saranno molte probabilità, stando così le cose. Ma mi chiedo come mai tanta eco per Battisti e nessuna voce per Casimirri? Forse perchè la famiglia di Casimirri era composta da funzionari della Santa Sede? Forse perchè quando si parla di Casimirri si riaffacciano i fantasmi de caso Moro che tutti vogliono seppellire dietro la nebbia della fermezza?

Io so che Casimirri ha scritto un libro e che ha minacciato di pubblicarlo se qualcuno prova ancora una volta ad andarlo a riprendere.

E facciamoglielo pubblicare sto' libro...
Articolo (p)Link Commenti Commenti(6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

Vuoto a perdere
Se vuoi saperne di più sul libro, sui contenuti e altro materiale sul 'caso Moro'

 


Vuoto a perdere [Digital Edition]
Tutto un altro progetto

Titolo
Approfondimenti (11)
Articoli (2)
Attualita' (1)
Attualità (90)
Attualità (1)
Dal libro (1)
Eventi (7)
Giudiziario (5)
Interviste (21)
Libri (5)
Nuova Commissione Moro (6)
Pensieri liberi (12)
Politica (2)
Presentazioni (1)
Recensioni (1)
Storia (9)

Catalogati per mese:
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Domenico, credo di aver risposto ai tuoi...
17/07/2018 @ 10:27:14
Di Manlio2
Secondo alcuni lettori, io sarei stato c...
17/07/2018 @ 10:11:40
Di Manlio2
"Siamo andati, io e mia sorella, dal mar...
17/08/2017 @ 10:37:32
Di Massimo


Cerca per parola chiave
 

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
Chiudere gli 'anni di piombo'?

 Sono già chiusi
 Non possono essere chiusi
 E' necessario chiudere
 Non so

Titolo
Al momento ... vuoto


Titolo
Conosci un sito nel quale si parla di anni '70, di lotta armata attraverso un dibattito aperto e democratico? Segnalalo. Sarò lieto di linkarlo tra i siti amici.