\\ Home Page : Articolo : Stampa
Caro La Russa: c'č latitante e latitante...
Di Manlio (del 09/02/2009 @ 12:24:16, in Attualitā, linkato 1342 volte)
Eh, si, caro Ministro La Russa.
Dato il suo fervore nel voler (giustamente) arrivare fino in fondo pur di ottenere l'estradizione di Cesare Battisti dal Brasile, dovremmo credere che il latitante Battisti sia da considerarsi, in qualche modo, di serie A rispetto ad altri casi sui quali, viceversa, non varrebbe la pena di impegnarsi più di tanto.


Mi vengono in mente almeno tre casi:


1) Giorgio Pietrostefani, 65 anni, ex leader di Lotta continua che  è stato condannato in via definitiva a 22 anni come mandante dell'omicidio del commissario Luigi Calabresi. Fuggì in Francia e li tranquillamente vive occupandosi (pare) di editoria

2) Delfo Zorzi, 62 anni, ex leader della cellula veneziana di Ordine nuovo, imputato principale per la strage di Piazza della Loggia a Brescia.  Vive da anni a Tokyo dov'è (pare) un affermato imprenditore nel ramo abbigliamento

3) Dal 2006, i giudici di Milano sono impegnati in una solitaria battaglia, mai supportati dal Governo. Chiedere agli Stati Uniti l'arresto e l'estradizione  - come prevede la convenzione bilaterale Italia-Usa - per i 26 agenti della Cia imputati per il sequestro dell'egiziano Abu Omar. Ricordiamo che dopo il suo prelevamento a Milano (2003) Abu Omar fu "deportato" in Egitto, e li subì sette mesi di torture. Il tutto in violazione del Codice penale italiano e della Convenzione europea per i diritti dell'uomo, che vieta arresti illegali e torture.

Ovviamente non dimenticandoci di Alessio Casimirri (ma lui pare sia scappato direttamente con l'aiuto dei servizi italiani, e quindi non possiamo prendercela con nessuno)

Potrà sembrare strano, ma a me pare che tutti questi casi siano accomunati da un filo conduttore molto preciso che impedirà a chiunque di assicurare qualsiasi tipo di colpevole alla giustizia. L'eversione degli anni '70 sia rossa che nera, il meschino ruolo avuto da alcuni pezzi dei servizi nelle cosiddette stragi di Stato, la sudditanza coloniale che ancora oggi subiamo da parte degli Stati Uniti (e soprattutto dai loro servizi).

E' vero che ci hanno liberato, ma per quanti secoli ancora ci toccherà pagare gli interessi?