\\ Home Page : Articolo : Stampa
Gruppo su FaceBook. La veritÓ su Piazza Fontana!
Di Manlio (del 18/06/2009 @ 10:29:06, in Storia, linkato 1543 volte)
Un gruppo su FaceBook per URLARE: vogliamo la verità su Piazza Fontana!

Quest'anno, come sai, ricorre il 40° anniversario della strage di Piazza Fontana e sarebbe bello poter giungere al 12 dicembre in maniera diversa dagli scorsi anni.
La giustizia ha scagionato tutti i colpevoli che in primo grado erano stati condannati. Ma la verità giuridica è solo una parte di verità: esistono anche la verità storica e, soprattutto, la verità politica.

Avrai sentito parlare dell'inchiesta di Paolo Cucchiarelli da poco pubblicata con l'editore Ponte alle Grazie intitolata "Il segreto di Piazza Fontana". E' un testo articolato, un'inchiesta solida, che partendo dagli elementi dimenticati, occultati o sottovalutati nelle inchieste giudiziare dimostra, in maniera inequivocabile, come le bombe del 12 dicembre 1969 a Roma e Milano fossero il risultato di un disegno architettato dai servizi segreti, portato avanti dalla strategia "della seconda linea" della destra eversiva e che ha visto il coinvolgimento degli anarchici come vittima di una trappola che era stata preparata con cura i tutto il 1969.

Un lavoro immane, dove tutti gli elementi del puzzle si incastrano alla perfezione per giungere ad una nuova ipotesi su come andarono realmente le cose. Ipotesi solida e confermata da molti riscontri e testimonianze presenti nel libro.

Come è stato accolto questo lavoro? La risposta unanime del "potere" è stata un velo di silenzio che, screditando a priori le conclusioni di Cucchiarelli, ha l'obiettivo di non far leggere l'inchiesta al grande pubblico.

Ma come? Solo poche settimane fa il Presidente Napolitano aveva esortato a scovare la verità sugli anni delle stragi e della lotta armata perché una riappacificazione è ancora possibile, perché ci sono le condizioni, e adesso che si avrebbe la possibilità concreta di avere dei nuovi elementi per individuare mandanti e colpevoli, si fa finta di niente?

Allora, cari politici, le vostre sono solo parole di comodo da utilizzare nelle occasioni ufficiali insieme alle vittime del terrorismo...

Quando la verità non fa comodo alla politica, ai gruppi di potere, ai reduci di quegli anni, alle strutture delle istituzioni si preferisce dimenticare.

Io non voglio dimenticare. Per questo ho creato un gruppo su FaceBook nel quale vorrei che ti iscrivessi per non far cadere nell'oblio forse l'ultima possibilità che abbiamo di uscirne con la verità. Dopo sarà troppo tardi.

Visionare il gruppo all'indirizzo http://www.facebook.com/group.php?gid=111480141059&ref=nf sarà a breve presente anche lo stesso Cucchiarelli che ci aggiornerà e discuterà con noi dei risultati della sua inchiesta.

Se ti va di parlare e se vuoi opporti a coloro che "censurano a prescindere", ti aspetto.
Se vuoi dare un contributo ancora più efficace, informa i tuoi amici di questa iniziativa e spingili ad iscriversi.