\\ Home Page : Articolo : Stampa
Leone e la grazia a Paola Besuschio
Di Manlio (del 05/11/2008 @ 15:32:21, in Attualitā, linkato 2863 volte)
Domenica 2 novembre la giornalista Breda Marzio ha pubblicato su "Il Corriere della Sera" alcune rivelazioni inedite che il Presidente della Repubblica Giovanni Leone le avrebbe confidato in occasione della sua intervista del 1998.

Il particolare che ha colpito maggiormente riguarda il fatto che egli si fosse adoperato molto per giungere alla salvezza di Aldo Moro e che questo gli sia costato la pesante campagna diffamatoria nei suoi confronti e le dimissioni anticipate di sei mesi rispetto alla scadenza naturale del mandato presidenziale.

In particolare, Leone, ricorda:

"Quando finalmente si riuscì a saperlo [in quale carcere si trovava la Besuschio, ndr] e a contattare l'interessata, si scoprì che qualcuno l'aveva già raggiunta e convinta a rifiutare la firma alla richiesta di grazia. Il ministro della Giustizia, leggi alla mano, si mostrò sconsolato. Ma Leone lo rianimò rapidamente dicendo che, pur in mancanza di un'apposita norma, destinata ad essere proposta e approvata molti anni dopo, egli si sarebbe assunto ugualmente la responsabilità di concedere la grazia. Vuol dire - confidò pressappoco a Bonifacio - che creeremo noi il precedente che manca."

La firma fu solo rimandata alle 12 del 9 maggio perché Leone confidava anche nei segnali di apertura che si prevedeva potessero provenire dalla riunione del Consiglio Nazionale della DC. Ma il tutto fu inutile perché fu rinvenuto il cadavere di Aldo Moro a pochi passi dalle sedi di DC e PCI.

Leone si chiese:

"mi convinsi che i brigatisti fossero al corrente di quel che stava maturando e, non volendo la liberazione di Moro, avessero affrettato quella mattina l'assassinio"

Una convinzione non nuova, un'ipotesi già ampiamente presente nella pubblicistica.

Pongo una riflessione che non mi sembra da poco. Ma se i brigatisti non volevano la liberazione di Moro, perché ridursi all'ultimo minuto rischiando di trovarsi sul piatto una grazia firmata o un'apertura della DC? Non sarebbe stato più comodo anticipare a scanso di equivoci o di scherzi da prete?

Io credo, invece, che nelle ultime ore i brigatisti siano arrivati molto vicini alla liberazione dell'ostaggio ma che alla fine, a causa di un sabotaggio che intervenne nella tratativa, la contropartita che si trovarono di fronte non consentiva più alcun margine e furono costretti ad accettare la morte del presidente della DC.